Soggetti proponenti

Il progetto SBSS

Il primo soggetto proponente è il Sistema Bibliotecario Sud Salento, da ora SBSS, rappresentato dal Comune di Tricase, in qualità di capofila. Il SBSS è una realtà da poco costituita grazie ai finanziamenti dell’APQ “Sistema delle biblioteche” – Regione Puglia. Ad esso afferiscono 55 comuni del basso Salento, dei quali 33 sono enti consorziati al CUIS e destinatari dell’intervento.

Il SBSS coinvolge 55 biblioteche comunali e si prefigge di perseguire i seguenti risultati:

  1. attuazione di una rete integrata sub-provinciale di strutture e di servizi bibliotecari e documentari;
  2. coordinamento dei servizi bibliotecari con le altre istituzioni culturali, pubbliche e private, operanti sul territorio con particolare riferimento alle risorse bibliografiche, professionali e tecniche;
  3. acquisizione, conservazione, tutela, valorizzazione e pubblica fruizione dei beni librari e documentari;
  4. realizzazione di sistemi informativi coordinati che favoriscano la conoscenza e l’utilizzazione dei beni librari e documentari esistenti nel territorio provinciale in conformità alle tendenze nazionale e regionali di adeguamento e partecipazione al Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN);
  5. promozione di attività culturali correlate con i beni librari e documentari, con la loro conoscenza e valorizzazione e con le finalità proprie delle istituzioni bibliotecarie;
  6. elaborazione, realizzazione e gestione di specifici progetti finalizzati all’attivazione di servizi innovativi di qualità a favore della pubblica lettura, della documentazione tradizionale e in rete, della conservazione, valorizzazione e tutela del patrimonio librario e documentario, del miglioramento e potenziamento delle attività bibliografico-informative per i cittadini e per l’educazione permanente.
Concretamente, in fase esecutiva, il progetto è distinto in due tipologie di azioni: ad ogni singolo ente associato è stata assegnata una quota media di circa € 100.000,00 per interventi sugli impianti, arredi, forniture, attrezzature tecnologiche e incrementi dei patrimonio librari; per quanto riguarda invece i “servizi di sistema”, fondamentali e necessari per l’esistenza stessa di un “sistema”, ossia istituzione di un centro unico di catalogazione ed acquisizione, di progettazione di interventi mirati e specifici, di coordinamento e monitoraggio sulle singole biblioteche, di costituzione di una “biblioteca di sistema” (bibliobus) alla quale fare riferimento per le operazioni di promozione nel sistema e fuori e per le attività di prestito interbibliotecario, etc…, di realizzazione di un portale di comunicazione di tutto il sistema, tutte queste attività sono state appaltate per la fase di impianto ed avvio (circa due anni) all’ATI IMAGO società cooperativa di Lecce e ArticoloNove s.r.l. di Martina Franca (Ta). A tutt’oggi il Sistema bibliotecario del Sud Salento, anche se di recentissima costituzione, dopo aver realizzato in ogni singola biblioteca interventi di tipo strutturale e di adeguamento degli impianti e delle attrezzature, di forniture di arredi, attrezzature tecnologiche e di incremento dei patrimoni librari, è in un momento di rapido sviluppo per quanto riguarda la creazione e l’avvio dei servizi del sistema; sono stati attivati alcuni tra gli interventi previsti: formazione dei bibliotecari; fornitura del bibliobus ed avvio dei servizi previsti; censimento dei patrimoni delle singole biblioteche; adozione di un sistema informativo unico per le operazioni di catalogazione e di gestione del front-office con l’utenza del sistema (adesione SBN ed utilizzo di Sebina Open Library attraverso il Polo di Brindisi); creazione del portale web di presentazione e comunicazione dell’intero sistema (www.sudsalentocultura.it/biblioteche); creazione della biblioteca di sistema cui sono demandate tutte le attività di coordinamento e gestione: centro unico di acquisizione, centro unico di catalogazione, supporto per la formazione e l’aggiornamento dei bibliotecari, gestione dei servizi erogati dal bibliobus, gestione della circolazione delle opere (prestito interbibliotecario), gestione del sistema informativo (back-office e front-office) ed in ultimo della creazione e gestione del servizio del Reference desk e del Virtual reference desk, ossia di uno sportello virtuale di informazioni, una guida nella ricerca di risorse di rete e nei servizi offerti dalle biblioteche, archivi ed istituti di conservazione del territorio per studenti, ricercatori, docenti e tutti coloro che siano alla ricerca di informazioni.